L’amministratore deve agire contro i morosi anche se il rendiconto non è stato pprovato

23 Marzo 2014

Cassazione sentenza n. 6236 del 19 marzo 2014.

“L’azione legale di recupero del credito da parte del’amministratore nei confronti di un condòmino moroso, diviene obbligatoria trascorsi sei mesi dalla chiusura dell’esercizio nel quale il credito esigile è compreso”.

Da qui se ne deduce che:

  • non è necessaria l’approvazione dei conti da parte dell’assemblea. L’amministratore deve agire con una azione civile o con un decreto ingiuntivo semplice (provvisoriamente esecutivo).
  •  l’opposizione del condomino all’ art. 63 disp. att. c.c., non può appellarsi alla annullabilità o nullità della delibera condominiale di approvazione delle spese. La delibera dovrà essere impugnata separatamente.

Approfondimenti:

  • Cass. 19 marzo 2014, n. 6436
  • art. 1129
  • art. 1137

FONTE: www.Condominioweb.com

Indice:

Contattaci

Hai domande? Scrivici senza impegno!

Condividi Questo Articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Calcola Preventivo

Calcola un preventivo per conoscere le nostre tariffe.

Stima costi condominiali annuali: Calcola